“Di gelo e di fuoco” arriva a Napoli

Martedì 14 maggio presentazione alla galleria d’arte “Al Blu di Prussia”

IL LIBRO

LA PRESENTAZIONE DI ROMA

di Flaminia Marinaro

È la notte del 17 dicembre 1899, manca una settimana all’inizio del Giubileo Secolare. Nel monastero viterbese di San Filippo al Marta, l’ottantenne abate Francesco, seduto al suo scrittoio colmo di libri, è immerso nella lettura.
Quando sente suonare la campanella del portoncino d’ingresso un sorriso gli affiora alle labbra, prende un volume bruciacchiato e portandolo con sé va ad aprire.
Dal buio, stremati dal viaggio lungo la Via Francigena, emergono quattro viandanti diretti a Roma. Il monaco benedettino, felice di vederli, li guida in biblioteca, facendo attenzione a non imbattersi nei confratelli che percorrono salmodiando i tetri corridoi dell’abbazia. Cosa nasconde l’anziano religioso che non si separa mai da quel malconcio libro le cui pagine sono tutte bianche?
Chi sono quegli enigmatici viaggiatori che, oltre che da Paesi diversi, sembrano addirittura provenire da epoche differenti e remote? Possibile che al cospetto dell’abate siano giunti l’arcivescovo inglese Sigerico di Canterbury dal 990; la vedova e analfabeta castigliana Maria Rodriguez dal 1350; il nobile capitano di ventura tedesco Goetz Von Berlichingen dal 1550; il mercante di vini ed ex rivoluzionario francese Jean Baptiste Fournier dal 1825?
E per quale sortilegio, contemporaneamente all’arrivo dei viaggiatori, preannunciato da sangue ed eventi inquietanti, è apparso il Diavolo a minacciare le vite di tutti loro?

Nato da un’intuizione del cineasta e insegnante Guido Fiandra, di gelo e di fuoco (pubblicato da D&M Edizioni) è il primo romanzo storico ambientato sulla Via Francigena, strada medievale percorsa per secoli da viandanti che, dalle isole britanniche, attraversando le terre dei Franchi e la penisola italiana, raggiungevano Roma e aspiravano alla Terra Santa.

Scritto a otto mani da quattro maestri della sceneggiatura, di gelo e di fuoco evoca sia le atmosfere gotiche de Il nome della rosa di U. Eco che l’incanto de La storia infinita di M. Ende, innervando il racconto di suspense e colpi di scena come nelle migliori serie TV e tratteggiando lo spaccato sociale e folcloristico di un territorio non solamente geografico.

di gelo e di fuoco è un libro che contiene più libri – alla storia che fa da cornice, che si snoda tutta in una notte, se ne intrecciano altre quattro, quelle vissute nelle diverse epoche dai quattro viaggiatori –, che intreccia generi e stili, che racconta il presente attraverso il passato – così come la Francigena muoveva pellegrini e mercanti, soldati e uomini dotti, impastando le più diverse culture e ideali.

Tappa dopo tappa, il romanzo è ora in viaggio lungo la Via Francigena, suscitando nel pubblico grande interesse e curiosità.

Il tour delle presentazioni si è aperto il 10 aprile a Roma, nella splendida cornice della sede dell’Associazione Civita a piazza Venezia, con l’introduzione di Gianni Letta e i brani magistralmente interpretati da Tullio Solenghi, Carmen Tejedera e Pino Calabrese.

Alle ore 18 di martedì 14 maggio è la volta di Napoli, nella prestigiosa galleria d’arte “Al Blu di Prussia” in via Filangieri 42. Presentato da Giuseppe Mannajuolo, l’autore Guido Fiandra dialogherà con la giornalista Armida Parisi; con Sandro Polci, ideatore del Festival delle Vie Francigene; con Don Tonino Palmese, presidente della Fondazione Polis. Letture di Cinzia Mirabella e Renzo de Rienzo.

Dalla Campania saliamo il 17 maggio in Romagna, quando di gelo e di fuoco sarà presentato nella piccola ma vivacissima biblioteca comunale di Castrocaro Terme. Il co-autore Andrea Zauli dialoga con Isabella Amadori, accompagnati dalla musica medievale e rinascimentale della Compagnia del Sole e dell’Acqua e dalle letture di Vittoria Betti.

Alle 17 di martedì 21 maggio si torna a Roma, a Palazzo Englefield, presso l’UPTER Università Popolare. Guido Fiandra discute di di gelo e di fuoco con la storica dell’arte Stefania Laurenti e l’archeologa Maria Luisa Cipolla. Letture degli attori Valentina Celentano e Riccardo Mei.

Un passetto a nord e dalla Capitale passiamo all’Emilia. Venerdì 24 maggio alle 20,30 a Modena, Marco Giorgini presenta di gelo e di fuoco ai lettori del “Mondadori Bookstore Victoria Cinema” di via Ramelli 101. Oltre a Guido Fiandra, partecipano i co-autori Fabrizio Fangareggi e Pierluigi Fabbri, con gli interventi della scrittrice Elisa Guidelli e le letture di Raffaele Palmieri.

Il tour toccherà poi Genova con la presentazione a Palazzo Ducale mercoledì 5 giugno e la biblioteca manfrediana di Faenza venerdì 7 giugno. 

 

E arriverà di nuovo a Roma a metà giugno, dove il libro sarà protagonista di un evento speciale nella rassegna Cinema e Libri, che è ormai un punto di riferimento dell’estate romana.

Poi, durante l’estate, saremo a Sutri e a Ronciglione, nel Lazio, più quattro tappe in Toscana ad abbracciare le località più importanti del viaggio di Sigerico da Siena verso nord.

E a settembre si riparte con

Udine, Milano, Torino, Palermo, Bologna, Otranto e altre ancora.

Il viaggio di di gelo e di fuoco non si ferma mai.

GLI AUTORI